Il bistrot formativo Saperi & Sapori

Tra le forme innovative adottate da ENGIM per traghettare i ragazzi della formazione professionale verso il mondo del lavoro, facendo acquisire loro le migliori competenze, c’è l’impresa formativa strumentale: una vera e propria “scuola-impresa” - che supera il concetto di “impresa formativa simulata” e “bottega-scuola” - che integra e arricchisce le attività laboratoriali dei percorsi formativi di settore dei nostri CFP.

Il bistrot formativo “Saperi & Sapori” è un’impresa formativa che risponde totalmente ai criteri di mercato, ma allo stesso tempo diventa laboratorio di energie di giovani che hanno voglia ed entusiasmo di crescere e di formatori capaci di trasferire i propri saperi. Un modello di impresa che unisce allo stesso tempo metodologie, processi formativi, competenze educative e professionali.

Situato all’interno del Pontificio Oratorio San Paolo a Roma (su territorio pontificio), “Saperi & Sapori” ha come obiettivo specifico far sperimentare agli allievi della IeFP di ENGIM San Paolo un ambiente con reali condizioni di lavoro: qui vengono curati aspetti significativi come il rapporto con il cliente, il rispetto dei tempi in funzione delle richieste dei clienti, la rigorosa applicazione delle norme igienico-sanitarie imposte dalle normative di settore, l’esecuzione di operazioni di trasformazione, preparazione, confezionamento, conservazione e stoccaggio di prodotti alimentari, il coordinamento tra le diverse figure professionali che operano sul posto di lavoro.

«“Sapere & Sapori” è un’impresa formativa reale, - spiega Roberto Sebastiani, direttore di ENGIM San Paoloche permette ai ragazzi di operare in un ambiente protetto, coordinati da docenti, tutor e da un tutor aziendale, per acquisire competenze che consentono loro di intervenire nella valorizzazione, produzione, trasformazione, conservazione e presentazione di prodotti enogastronomici».

Le competenze tecnico-professionali sviluppate dagli studenti sono nell’utilizzo di macchinari e attrezzature, nella preparazioni dei pasti, nel servizio ai clienti, nella preparazione di dolci, nella gestione di un attività commerciale. Le competenze trasversali sollecitate, sviluppate e potenziate sono riconducibili alle capacità relazionali (rapporti con clienti e fornitori), all’autostima, al lavoro in gruppo, alla risoluzione delle eventuali problematiche e alle capacità creative.

Periodicamente vengono organizzati eventi esterni come pranzi o cene di degustazione “a tema”, serate organizzate dagli studenti con la supervisione dei cuochi/docenti “interni” oppure sotto la guida di chef esterni, pranzi di lavoro su specifiche richieste, catering o banqueting anche presso sedi esterne al CFP.
“Saperi & Sapori”, anche nelle occasionali aperture agli utenti esterni, preserva la caratteristica di bistrot in cui consumare i menù preparati e serviti dagli allievi nel corso di esercitazioni didattiche di laboratorio di cucina.

«Gli allievi della formazione professionale – aggiunge Sebastiani -, con questo ultimo tassello, riescono ad avere consapevolezza di un percorso formativo completo: attività in aula, laboratoriale, stage in aziende, inserimento in un contesto lavorativo come l’impresa formativa che integra tutte e tre le esperienze e crea competenze in uscita uniche».

In occasione dell’avvio delle attività didattica per l’anno formativo 2020-2021, il bistrot ha ripreso la sua attività dopo la forzata chiusura dovuta al lockdown e dopo le vacanze di agosto; l’obiettivo è farlo tornare un punto di riferimento per l’attività didattica dei percorsi formativi del settore agroalimentare e cucina.

Categorie: 
Innovare la formazione

Share this post