FAQ

FAQ

frequently asked questions (domande più frequenti)

-Che cosa sono e come si accede ai serivizi di Engim San Paolo di Orientamento e Placement?

I percorsi previsti offrono informazioni orientative sulle opportunità del territorio ed hanno l'obiettivo di analizzare i bisogni formativi dell'utente, mapparne competenze e capacità con la finalità di progettare un percorso formativo e professionale adeguato. Engim San Paolo, anche attraverso la sua rete di imprese del territorio, supporta gli utenti nella ricerca di un impiego attraverso lo sviluppo di percorsi di accompagnamento al lavoro. I nostri servizi sono gratuiti e per accedervi è sufficiente inviare una richiesta, corredata dei vostri dati a :
engimorienta@engimsanpaolo.it o contattare 06 55 340 353

---

-Che cosa è Garanzia Giovani?

-La Garanzia Giovani (Youth Guarantee) è il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile. Con questo obiettivo sono stati previsti dei finanziamenti per i Paesi Membri con tassi di disoccupazione superiori al 25%, che saranno investiti in politiche attive di orientamento, istruzione e formazione e inserimento al lavoro, a sostegno dei giovani che non sono impegnati in un'attività lavorativa, né inseriti in un percorso scolastico o formativo (Neet - Not in Education, Employment or Training). 

-----

-I corsi del sistema duale sono gratuiti?

-I servizi correlati al sistema duale, ivi comPrese le attività formative, sono ad accesso gratuito.

---

-Che cos'è l'apprendistato?

L’apprendistato è un contratto di lavoro finalizzato alla formazione e all’occupazione dei giovani. I datori di lavoro, a fronte di una serie di vantaggi retributivi, contributivi e fiscali devono corrispondere all’apprendista la retribuzione per la prestazione lavorativa ed erogare la formazione per conseguire gli obiettivi previsti.

---

-Che cosa è l'alternanza?

-L’alternanza scuola lavoro è un’esperienza educativa, coprogettata dalla scuola con altri soggetti e istituzioni, finalizzata ad offrire agli studenti occasioni formative di alto e qualificato profilo. Il percorso di alternanza scuola- lavoro offre agli studenti l’opportunità di inserirsi, in periodi determinati con la struttura ospitante, in contesti lavorativi adatti a stimolare la propria creatività. Non solo imprese e aziende, ma anche associazioni sportive e di volontariato, enti culturali, istituzioni e ordini professionali possono diventare partner educativi della scuola per sviluppare in sinergia esperienze coerenti alle attitudini e alle passioni di ogni ragazza e di ogni ragazzo.

---

-Si parla spesso di livelli diversi di apprendistato, di cosa si tratta?

1° Livello

E’ la tipologia di apprendistato che consente di conseguire:

  • La qualifica
  • Il diploma professionale
  • Il diploma di istruzione secondaria superiore
  • Il certificato di specializzazione tecnica superiore.

 Questo tipo di contratto consente di assumere giovani dai 15 ai 25 anni non compiuti e consente di coniugare esperienza di lavoro all’interno del proprio percorso di studio e istruzione. Il giovane iscritto ad un percorso di formazione o di istruzione e contemporaneamente assunto come apprendista, assume il doppio status di lavoratore/studente

2° Livello

E’ l’apprendistato professionalizzante per il conseguimento di una qualificazione professionale prevista nei Contratti Collettivi di lavoro di riferimento. E’ possibile assumere, in qualunque settore produttivo, giovani di età compresa tra i 18 (17 se in possesso di una qualifica professionale) e i 29 anni oppure senza limitazioni di età, soggetti beneficiari di un’indennità di mobilità o di un trattamento di disoccupazione.

3° Livello

E’ l’apprendistato di alta formazione e ricerca finalizzato al conseguimento di un titolo universitario o di alta formazione. Tale istituto prevede l’assunzione di un giovane (tra i 18 e i 29 anni) già inserito o da inserire in un percorso di alta formazione (terziaria universitaria o non universitaria) per preparare una figura altamente professionale con competenze specialistiche che possono favorire la crescita e l’innovazione dell’impresa, grazie all’interazione tra l’istituzione che rilascia il titolo di studio e il datore di lavoro.

---

Quali sono i vantaggi dell’apprendistato di primo livello per il datore di lavoro?

  1. ALIQUOTA CONTRIBUTIVA
  • Aziende con <= 9 DIPENDENTI: 0%
  • Aziende con > 9 DIPENDENTI: 5%
  • Al termine del contratto di apprendistato, per l’anno successivo alla conferma in servizio dell’apprendista, il datore di lavoro potrà beneficiare della seguente aliquota contributiva:
  • Aziende con <= 9 DIPENDENTI: 1,61%
  • Aziende con > 9 DIPENDENTI: 11,61%

 

  1. SGRAVI CONTRIBUTIVI E FISCALI
  • Esclusione delle spese sostenute per la formazione nel calcolo dell’Irap
  • Abolizione del contributo previsto a carico del datore di lavoro, in caso di licenziamento dell’apprendista
  • Sgravio del pagamento dei contributi della Naspi dell’1,31% di cui all’articolo 42 comma 6, lettera f del decreto legislativo 81/2015
  • Cancellazione del contributo integrativo dello 0,30% secondo l’articolo 25 legge 845/1978 per i fondi interprofessionali

 

  1. VANTAGGI NELLA RETRIBUZIONE

La retribuzione è definita dal contratto collettivo nazionale applicato dal datore di lavoro e può essere:

  • fino a due livelli inferiore a quello dei lavoratori addetti a mansioni che richiedono la qualifica a cui è finalizzato il contratto
  • stabilita in percentuale rispetto a quella dei lavoratori addetti a mansioni che richiedono la qualifica a cui è finalizzato il contratto.
  • Per le ore di formazione presso l’istituzione formativa il datore di lavoro è esonerato da ogni obbligo retributivo
  • Per le ore di formazione a carico del datore di lavoro viene riconosciuta all’apprendista una retribuzione pari al 10% di quella che gli sarebbe dovuta

 

  1. INCENTIVI per le attività di tutoraggio interno all’impresa
  • Contributo per i datori di lavoro per le attività di tutoraggio, come da avviso pubblico a sportello